Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.

La puntata sorgente di vitaè dedicata in parte all'inaugurazione del nuovo Tempio a Bologna (8° minuto)
Clicca qui per vedere la registrazione

 

Inaugurazione sinagoga2017“Un luogo dalla grande vocazione identitaria. Un luogo in cui non solo la Comunità ebraica, ma la cittadinanza intera ne potrà apprezzarne i suoi aspetti storico-culturali e lo farà grazie ad un accordo che verrà stipulato con le Soprintendenza”.
Così il presidente della Comunità ebraica di Bologna Daniele De Paz ha commentato l’inaugurazione del nuovo Tempio piccolo della sinagoga della città felsinea (27 gennaio 2017).

Nel periodo del 1586 al 1593 gli ebrei si stabilirono nel ghetto dove costruirono una sinagoga al numero civico 16 di Via dell’Inferno.

Sono stato il primo Rabbino impegnato a Bologna nel dopoguerra, dal 1948 a tutto il 1959.
Tutto era distrutto, il Tempio ridotto a un cumulo di macerie, l'edificio della Comunità pressoché fatiscente, ove mancavano persino i tubi del gas, ma - soprattutto - vi era un’enorme tristezza per il vuoto lasciato da coloro che erano stati deportati. Vi era un senso di smarrimento generale.