Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.


E’ una parola che deriva dalla stessa radice di or, cioè luce, e indica il candeliere a sette braccia, altro simbolo dell’ebraismo.



Sono i filatteri, ossia due scatolette di cuoio che si legano sul braccio sinistro e sulla testa.


L'ordine di indossare delle frange agli angoli dei vestiti, "ZIZZIT", si trova scritto nella Torah. Il suo scopo è quello che la Torah stessa ci dice: "Lo vedrete e vi ricorderete le mizwotà che il Sig. vi ha dato".


La MEZUZAH è composta ora da un piccolo foglio di pergamena contenente i primi due brani dello Shema, dove viene affermata l'unicità divina, l'obbligo di studiare ed insegnare la Torah ai propri figli e quindi l'obbligo di affiggere la Mezuzah.


La kippah è il copricapo usato dagli uomini per ogni benedizione o cerimonia religiosa, alla sinagoga, al cimitero, in un luogo pubblico o privato (durante i pasti ad esempio).