Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.

Di Rav Alberto Sermoneta

"Al tishlakh jadekhà el ha na'ar ve al ta'as lo meumma - Non mandare la tua mano verso il ragazzo e non fargli nulla.."
Così si conclude, felicemente, la 'akedat izchak - la legatura di Isacco, episodio in cui D-o, per mettere alla prova Abramo se aveva fiducia in Lui o meno, gli chiede di immolare suo figlio.


Di Rav Alberto Sermoneta

La scorsa settimana, presentando la figura di Abramo, lo abbiamo definito uno zaddik –giusto.
Infatti nonostante la sua tarda età e quella di sua moglie ha fiducia nella promessa divina che di lì ad un anno gli nascerà un figlio.
Nella parashà di Vajerà , la figura dello zaddik in Abramo emerge di più.
Lo zaddik è colui che si prodiga per il bene del prossimo mettendo a repentaglio, se necessario, anche la propria vita. Abramo fa questo per salvare le città di Sodoma e Gomorra.


Di Rav Alberto Sermoneta


Se nella parashà di lekh lekhà, che abbiamo letto lo scorso shabbat, il Signore mette alla prova Abramo, prima chiedendogli di abbandonare definitivamente la terra natia e la casa paterna, poi di circoncidersi all’età di novantanove anni, come segno di un patto eterno, stipulato fra D-o e i suoi discendenti, in questa parashà, la prova a cui viene sottoposto Abramo è assai più dura.
I nostri Maestri sostengono che la prima e l’ultima delle dieci prove cui è sottoposto Abramo dal Signore, iniziano entrambe con l’espressione “lekh lekhà” “va per il tuo bene”.


Di Rav Alberto Sermoneta

L’inizio della parashà ci mostra il vero carattere di Abramo, motivo che aveva indotto il Signore a scegliere lui come colui che sarebbe stato il capostipite del monoteismo e soprattutto dell’ebraismo.
Abramo, dopo aver accolto in casa sua i tre Angeli, con il dovuto rispetto ed onore, viene messo a conoscenza di due cose che il Signore Iddio sta per fare:
la prima è che di li ad un anno egli sarebbe divenuto padre di un figlio nato dall’unione fra lui e Sara: Isacco.
L’altra è che i due Angeli rimasti sarebbero andati a distruggere le due città - Sodoma e Gomorra, perché giunte ad un livello di comportamento talmente basso, che non c’era per loro alcuna speranza di salvezza.


Di Rav Alberto Sermoneta

Nella parashà che leggeremo questa settimana ci viene narrata la distruzione di Sodoma e Gomorra. Il Signore, dopo aver discusso con Abramo, che cerca di convincerlo a non distruggere le due città in grazia di eventuali giusti, stende su di loro zolfo e sale, come segno di distruzione eterna per la loro malvagità assoluta.
La parte più suggestiva e commovente è l’ultima parte in cui è narrata la “’Akedat Izchak” (la legatura o sacrificio di Isacco): viene chiesto ad Abramo di offrire il suo unico ed amato figlio in sacrificio.
Questa è l’ultima delle dieci prove a cui Abramo viene sottoposto dal Signore, per vedere se realmente è degno di essere considerato il capostipite del Popolo ebraico.