Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.

L'inizio del digiuno è alle ore 6.09 e termina alle ore 17.15.
Minchà con commemorazione dei deportati ore 13.00

Il 10 Tevet ricorda l'assedio posto attorno alle mura di Gerusalemme dai babilonesi e rappresenta  l'inizio di tutte le sciagure capitate al nostro popolo; sciagure che culminarono con la distruzione del secondo tempio di Gerusalemme ad opera dei romani.

Il digiuno ricorda l'assedio di Gerusalemme da parte di Nabucodonosor, re di Babilonia, e la distruzione del primo Tempio (nell'anno 586 a.e.v.). Questo giorno è stato designato dal rabbinato israeliano come Yom ha Kaddish ha kelali, "giorno di Kaddish generale" per tutte le vittime della Shoah la cui data di morte e luogo di sepoltura sono sconosciute.

Dal 1948, anno della dichiarazione di Indipendenza dello Stato di Israele, il rabbinato centrale di Israele, ha voluto dedicare questa giornata al kaddish mondiale facendo un digiuno dall’alba al tramonto. In questo giorno reciteremo un kaddish in Memoria dei sei milioni di Vittime del nostro popolo nei campi di sterminio nazisti, anche per coloro di cui non si conosce la data della morte.
 
È l'unico digiuno che non subisce cambiamenti di data (infatti può cadere anche di venerdì, alla vigilia di Shabbat) proprio per la sua grande importanza.