Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.

Care Amiche e cari Amici,

il 5781 si apre con la necessità di riflettere profondamente su quello che abbiamo passato raccogliendo l’opportunità di far crescere la forza di sognare un futuro per la nostra Italia, per la nostra Città, per la nostra Comunità.

Oggi ognuno di noi ha modificato modalità consolidate di vita e ogni persona ha cominciato a vedere le stesse cose di ieri con occhi diversi, dando importanza a ciò che non lo era, riconoscendo il valore del rispetto verso gli altri oltre che per sé stessi.
L’auspicio è che resti forte in noi il desiderio di unione e, uniti, lavorare per un futuro certo, per un futuro migliore.
Che quest’anno possa iniziare con l’idea di una Comunità in cui gli aspetti sociali saranno il denominatore comune di crescita e sviluppo, con l’idea che ne usciremo tutti più forti, con priorità e stili di vita evoluti, sapendo riconoscere la bellezza di condividere insieme momenti di quotidianità e di festa.
Dobbiamo tutti essere pronti per ripartire e all’altezza per proseguire!
Grazie a coloro che si sono impegnati e si impegneranno affinché la nostra Comunità resti sempre “Viva”.
Tikhlé Shanà Vekilelotea, Tachel Shanà Uvirchotea - si chiuda l’anno con le sue maledizioni, cominci l’anno con le sue benedizioni.

Kadima! Avanti!