Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.


Di Rav Alberto Sermoneta

Inizia ad attuarsi la promessa che D-o fa a Mosè dal roveto ardente ed in cui assicura che gli ebrei verranno liberati dall'Egitto con "mano forte e braccio disteso".
Dopo il primo incontro con Mosè il faraone si era rifiutato di liberare gli ebrei. Inizia così un susseguirsi di punizioni divine che si abbattono su tutto l'Egitto e che porteranno alla liberazione degli ebrei.
Nella parashà vengono narrate le prime sette delle dieci piaghe che il Signore scaglia contro chi si ostina a negare la libertà ad altri uomini.
Nella Torà in generale ed in particolare nelle parashot che leggeremo in queste settimane viene esaltato il grande valore della libertà; concetto che oltre a essere religioso si estende anche ai valori sociali e al rapporto fra l'Uomo e il suo simile.

La libertà non significa appropriarsi in modo sterile dei propri diritti, ma assicurarsi di attuare i propri doveri nei confronti del prossimo rispettandone le idee e tradizioni in modo democratico.
Gli ebrei in Egitto non erano schiavi soltanto fisicamente ma e soprattutto non avevano la possibilità di manifestare i loro usi, i loro pensieri, le loro tradizioni.
Un uomo libero è colui che ha il diritto di essere rispettato dal suo prossimo, per ciò che è e per ciò che pensa, ma soprattutto per ciò che professa, naturalmente senza ledere la suscettibilità dell'altro.
A tutto c'è un limite: il limite è quello di non offendere i sentimenti, politici, religiosi e psicologici altrui.
Il faraone faceva questo e…… .non solo lui.

Shabbat shalom