Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.

Di Rav Alberto Sermoneta

"Vaivkù ha am balaila hahù - e pianse il popolo in quella notte" appena tornati dal loro viaggio per esplorare la Terra di Israele, dopo il loro negativo rapporto di viaggio, il popolo si demoralizza e, perdendo la fede in D-o, vuole tornare indietro e piange.

Di Rav Alberto Sermoneta

"... E gli uomini che salirono con lui (Giosuè) dissero" non possiamo salire contro il popolo poiché è più forte di noi" 
Nella nostra parashà, si racconta dell'escursione dei dodici esploratori sulla terra di Israele, episodio che si rivelò catastrofico per il popolo ebraico, in quanto a causa di ciò fu decretata la permanenza di quaranta anni nel deserto. 

Di Rav Alberto Sermoneta

La parashà che leggeremo questo Shabbat, narra nella sua quasi totalità, il drammatico episodio dei dodici esploratori, inviati dal popolo a visitare in avanscoperta la terra promessa.

Di Rav Alberto Sermoneta

L’episodio preponderante della parashà che leggeremo questo shabbat è quello che narra dei dodici esploratori che vengono mandati da Mosè, su richiesta del popolo, a visitare la Terra Promessa.

Di Rav Alberto Sermoneta

“E tutta la congrega alzò la voce e il popolo pianse in quella notte" (Bemidbàr 14;1)


Di Rav Alberto Sermoneta

"Shelakh lekhà anashim……. Manda per te degli uomini, affinchè visitino la terra di Canahan che Io sto per darvi"

Con queste parole inizia la parashà che leggeremo questo shabbat.
I commentatori si chiedono il motivo per cui il Signore dice a Moshè "per te". Infatti, le mizvot non vengono mai comandate dal Signore per qualcuno; quel "per te" sembrerebbe più un consiglio che un imperativo.
Infatti, il midrash racconta che il popolo o almeno una parte di esso, si rivolse a Moshè, in modo violento, chiedendogli di mandare una delegazione a perlustrare la futura Terra di Israele.
Moshè non sapendo dare una risposta, chiede a D-o come fare.
D-o si adira per la mancanza di fiducia da parte del popolo verso di Lui, ma si adira anche contro Moshè.

Di Rav Alberto Sermoneta

L’episodio preponderante della parashà è quello che narra dei dodici esploratori che vengono mandati da Mosè, su richiesta del popolo, a visitare la Terra Promessa.
La storia è nota a tutti: essi, tornando dalla missione, riferiscono al popolo che la Terra è realmente fertile, come detto dal Signore ad Abramo, fino a Mosè, ma i suoi abitanti sono giganti ed i suoi prodotti hanno delle dimensioni enormi. Tutto ciò, secondo l’opinione di dieci di essi tranne Giosuè e Calev, i quali, consolando il popolo, cercano di far capire loro che sicuramente riusciranno a conquistare la terra.