Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.

Di Rav Alberto Sermoneta

"lezar'akhà natatti et ha aretz ha zot  - alla tua discendenza ho dato questa terra..."
Nel capitolo 15 del libro di Bereshit, parte finale della nostra parashà, la Torà ci racconta il "berit ben ha betarim - il patto fra le divisioni "  in cui D-o stipula con Abramo, un patto riguardo la concessione della terra di Israele.

Di Rav Alberto Sermoneta

La Torà ci presenta Abramo, che sarà il capostipite del popolo di Israele e del mondo monoteista.

Di Rav Alberto Sermoneta

Un proverbio della nostra tradizione dice: "dimmi con chi vai, ti dirò chi sei" perché è in relazione a chi noi frequentiamo che veniamo giudicati per ciò che siamo. 

Di Rav Alberto Sermoneta

Nel brano di Torà che abbiamo letto la scorsa settimana, ci viene presentato Noach come uno tzaddik - tammim (giusto e integro) poiché "Noach camminava con il Signore" (bereshit 6;9).

Di Rav Alberto Sermoneta

"Vattene per il tuo bene dalla tua nazione, dal paese della tua nascita dalla casa di tuo padre verso la terra che ti indicherò".

Di Rav Alberto Sermoneta

"Ve gam et ha Hoi asher ia'avodu Dan anokhi - E anche il popolo che serviranno io li giudicherò" (Bereshit 15; 14)

Di Rav Alberto Sermoneta

Avram novantanovenne e Sarai novantenne assistono passivamente alla volontà divina di dare compimento al loro più grande desiderio: la nascita di un figlio.
Questo straordinario evento viene sancito dal cambiamento del nome sia di lui che di lei.
È la prima volta che nella Torà assistiamo a qualcosa di simile: troveremo situazioni analoghe a proposito di Jaakov che diverrà Israel e Hoshea che diventerà Jehoshua.