Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie.

Di Marco Del Monte

“L’Eterno disse a Mosè: “ ai sacerdoti, figli di Aaron e dirai…Nessuno dovrà contaminarsi”
Vayomer, Emor, Veamartà: nella prima frase viene ripetuto più volte di Parlare.
La Torà ci insegna molteplici cose in questa frase ma due colpiscono in particolar modo: la forza della parola e la potenza della ripetizione.

Di Rav Alberto Sermoneta

"Emor el ha cohanim bené Aharon – Dì ai Sacerdoti figli di Aaron ".Molti si chiedono il motivo per cui la Torà più volte si esprime con " dabber - parla" e in questo caso con "emor - dì".

Di Rav Alberto Sermoneta

Dopo aver parlato della kedushà, la santità e l'esempio che il popolo deve mantenere fra tutte le altre nazioni della Terra, con la Parashà di Emor vengono date delle chiare e rigide indicazioni di comportamento ai Cohanim.

Di Rav Alberto Sermoneta

La parashà ci racconta della vita e del lavoro dei Cohanim all'interno del Bet ha Miqdash, anche in relazione alla società dell'epoca.

Di Rav Alberto Sermoneta

Rabby Mattià ben Cheresh affermava: Sii sempre il primo a porgere il saluto ad ogni persona; sii piuttosto coda di leoni che testa di volpi" (Avòt 4;20)

Di Rav Alberto Sermoneta

"Vojomer A' el Moshè, Emor el ha kohanim bené Aharon - E disse il Signore a Moshè, di ai sacerdoti figli di Aharon" 

Di Moshè Marco Del Monte

Nella Parashà della settimana vengono riportate le norme relative al comportamento dei Cohanim, in particolar modo si prescrive l’allontanamento da tutte le forme di Impurità del morto, per poi passare alla descrizione delle festività ebraiche.